Le chiare, fresche, dolci acque dei nostri torrentelli nel 1924 tracimarono a valle,  strade e 
cimitero compreso. Il parroco don Lorenzo Pedrinolli assieme G. Sartori “braido” e alcune
casottane  sbigottite, osservano le tombe divelte. (foto di A.S.b. -VE)
sera