Siamo in Avvento,il periodo di attesa del Natale.:D
Già se ne respira l’aria: musiche,canti, neve, canditi, palline… Profumi tipici di questi momenti, come l’odor dei rami di pino addobbati a festa!

E apriamo proprio con l’addobbo questa parentesi di Stacotto e brusà che celebrerà il Natale dai fornelli alla tavola: “Aspettando Natale”
Eh si perchè chi si cimenta nelle arti culinarie non deve dedicarsi solo ed esclusivamente a mescolare e condire, ma anche, come abbiam dimostrato già altre volte,  a valorizzare una pietanza impiattandola con creatività, senza dimenticare oltretutto di preparare una tavola elegante, accogliente, particolare.
E’ tempo dunque amici di preparare un bel centrotavola che servirà sia per dare un tocco natalizio alla nostra casa in questi giorni di Avvento,sia per arricchire la tavola imbandita del giorno di Natale.. Oggi per voi e per casa mia ho realizzato questo:
Ora vi dico come si fa ,ma suvvia, dai, 
lasciatemi dare anche qui gli… “ingredienti” 😀

1 spugna per fiori recisi
1 sottovaso rettangolare
rami di abete
rami di cipresso
rami di alloro
1 candela o più
40cm di nastro
decorazioni varie
musica natalizia
fantasia
Allora giovani: all’opera!
Tenete 2/3 della spugna, immergetela nell’acqua e lasciatela bagnare. Accendete lo stereo  con del buon sound natalizio per aiutarvi a calarvi nella parte 😀
Appoggiate la spugna nel sottovaso, giusto di misura. Non deve essere grande altrimenti non riuscirete a nasconderlo.
Ho scelto di usare 3 tipi di verde per dare movimento e colore. Potete farlo anche di solo abete, o al contrario aggiungere anche dei rametti di edera o altri arbusti(fantastici quelli a bacche rosse o l’agrifoglio che non sono riuscita a recuperare :(sigh )
In ogni caso si procede sempre dal basso, infilando i rami scelti nella spugna dal basso verso l’alto per il primo giro, così che “puntino” verso il tavolo e coprano il sottovaso. Terminata la raggera di rametti bassi procedete su e su fino a ricoprire per bene la spugna. Nella parte superiore non piantate i rametti dritti, ma rasenti, per non creare l’effetto “palla” o porcospino. Alternate le qualità  a seconda dell’effetto desiderato e dell’ispirazione.Io avevo a disposizione un angioletto porta candela: l’ho messo asinistra, perchè non mi piacciono le cose troppo regolari e impostate. 
Mancava, però, di colore quindi ho aggiunto un fiocco scozzese con inserti dorati, dei fiorellini tipo stella di Natale color crema e dei filetti di metallo dorati e rossi così da illuminare la creazione e dare un tocco di eleganza.
Immancabile nei miei centritavola la cannella.

Costo del centrotavola : zero! 😀 Infatti il tutto è materiale o naturale raccolto vicino casa o di recupero,
trovato qua e là o tenuto da parte ( il sottovaso per esempio è un
coperchietto di plastica a bordo alto che era di una ciotola …)
Effetto: assicurato
Durata: sicuro fino dopo l’epifania, basta tenere la spugna umida
Vi lascio con altre mie immagini di semplici centritavola.
Liberate la fantasia, provate e.. 
alla prossima puntata dello spazio “Aspettando Natale” di Stracotto e brusà!
MM