Tu, nel cuore della val d'Astico

Categoria Casotto

Grazie a tutti, Il termine è giunto, il blog chiude. Sono stati 10 anni  raccontati col cuore e ringrazio tutti quelli che ci hanno creduto con passione. un abbraccio a tutti voi.  

Scoiattolo Furbetto

Alpino Sterchele Olvino classe 1925 “Presente”

Ricordiamolo così…intento alla costruzione di artistici cestelli e porta fiori. In questi ultimi anni era diventato il suo passatempo preferito, passatempo che condivideva con il fedele gatto “Micio” (foto di DXE) Sotto, l’ultima scarpinata di Olvino a Belfiore  (pasquetta 2017,… Continua a leggere →

Kasut / Niederhaus (l’ultimo villaggio tirolese)

Il dott. Enrico Sartori, mi invia la traduzione “tedesco- italiano” più un suo commento relativo ad un interessante articolo tratto da vecchio opuscolo del 1908. Si parla della toponomastica delle nostre vallate,  Casotto viene descritto  come l’ultimo villaggio tirolese.  

Dagli USA a Casotto, “Speranza Sartori”

Speranza,(1895-1967)  fra il padre Giacomo Sartori e il marito Giuseppe Sterchele, con numerosi compaesani il giorno del suo matrimonio. (Pennsylvania 1912)   Speranza con i quattro fratelli Sterchele. da sx.seduto, Bortolo (secondo marito), Speranza, Giacomo, (sujo) Umberto (si stabilì negli… Continua a leggere →

Dalle Prealpi alle Ande “Severina”

Questo post si ricollega a quelli di alcuni giorni fa. In questa bellissima foto Severina Sartori con figli e nipote Alfredo (il più grandicello) prima di emigrare in Argentina nel primo dopoguerra, figlia primogenita di Giacomo ed Elisabetta (emigrati negli… Continua a leggere →

Notturno tre.

  Casotto  visto dal parco dell’emigrante di Valdastico, ottima postazione per fotografare questo tratto di vallata. In quest’ultima foto, Casotto con la croce di Belfiore illuminata, ringrazio il buon Otto che dalla spiaggia di Bellaria ogni sera si ricorda di… Continua a leggere →

Notturno due.

Casotto alto,  illuminato alle prime ombre serali. Nel buio, un soffio segnala la presenza di un camoscio  abbarbicato su uno sperone roccioso. La vallata in una ripresa grandangolare, in evidenza i grossi fari del campo da calcio. Casotto basso, con… Continua a leggere →

Notturno.

Paese mio che stai sulla collina, disteso come un vecchio addormentato; la noia, l’abbandono, il niente son la tua malattia, paese mio ti lascio e vado via, che sarà,che sarà…. (testo di una famosa canzone, anni 70)

« Articoli precedenti

© 2020 CASOTTO — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: