Ieri sera, nella nuova sala della banca di Pedemonte, su invito del coordinatore del comitato “Torniamo in Trentino” A.Baldessari, si è svolta una importante conferenza, relatore il prof. A.Salsa che in modo chiaro e appassionato ha parlato delle antichissime autonomie montane risalenti a prima dell’anno 1000, l’autogoverno delle comunità di tutto l’arco alpino, le condizioni di vita degli abitanti della montagna, l’istruzione diffusa e necessaria per potersi autogovernare  da soli e in forte contrasto con la più dura  realtà degli abitanti contadini della pianura. L’ introduzione dell’Enfiteusi, il diritto al miglioramento del fondo con l’abbattimento delle tasse e gli incentivi mirati al ripopolamento e riqualificazione della montagna.Oggidì la situazione si è capovolta, burocrazia e il potere delle città ha fatto si che purtroppamente la montagna sia diventata la nuova periferia e piccoli comuni per sopravvivere devono consociarsi (fatto molto positivo purché ci sia un ritorno economico), fermo restando che ognuno debba mantenere le proprie peculiarità.

Al termine, il prof. Salsa ha promesso il suo appoggio affinché nel prossimo statuto regionale (T.A.A.) venga inserito l’argomento (ex comuni trentini di Pedemonte e Casotto).

In chiusura , il vice presidente della banca Alto Vicentino di Schio e Pedemonte  si è augurato che la serata sia la prima di una lunga serie di incontri, associativi  e culturali.