Pedescala 1927

Pedescala di una volta

La dicitura della cartolina ci facilita il compito per datare il periodo storico, e risalire c/ca al 1927, oltre il campanile si può osservare  l’abitato di Forni e la grande tracimazione dell’Astico avvenuta nel maggio dell’anno precedente.

Nella seconda foto il campanile ha uno stile diverso, (primo dopo guerra 15/18 ?) impressionanti le abitazioni prive di infissi.

Pedescala 1927con il ponte

Per Gianni

Sono debitore di una risposta a Gianni, chiedeva lumi sul post del 29 scorso(case che si notano a dx.del ponte).Conosco poco la realtà di questo paese (ma legami mi portano alla fam.Spagnolo che ringrazio  per la collaborazione), posso dire che : il così detto “caselo”risale ai primi anni dell’800, costruito da Spagnolo GiòMaria, nato nel lontano 1795, nel 1833 sposò Sterchele Caterina da Casotto, e nella sua casa mulino (Folo o Pestaoro) “pestava” le bacche di ginepro e altre varietà per produrre il “Tannino” che serviva per fissare il colore sulle stoffe della nascente e florida industria tessile vicentina.

La casa e la cabina elettrica retrostanti erano di proprietà di tale Pretto Francesco fu Nicolò, costruttore di cassette di legno per una ditta di Milano.In seguito alla cessata attività il Pretto demolì i manufatti quasi tutti in legno,( periodo non databile) per utilizzarli nella nuova professione di artigiano edile.