milano cronaca DSC_0040

Area dove dovrebbe sorgere la fabbrica di calce.La foto odierna testimonia il già scarso grado di purezza dell’ aria della n/s valle.

Chiedo scusa agli autori dell’ articolo (Milano Online)di questa mattina, troppo interessante ed attuale per non cogliere e rilevare la diversa interpretazione di come si può valorizzare e utilizzare il bene comune.

MILANO: 28/9/2014; L’amministrazione comunale deciderà e vaglierà assieme ai cittadini milanesi, gli undici (11) progetti atti a migliorare e valorizzare  Piazza Castello. Chiunque potrà esprimere il proprio parere e confrontare punti di vista diversi,  su come trasformare l’area nel 2015.

FORNI di Valdastico 23/9/2014 ; Un cittadino manifesta grosse perplessità al proprio Sindaco circa l’utilizzo e la trasformazione di un’area nei pressi dell’abitato di Casotto in un plesso industriale (fabbrica di calce) di 24mila mq. con relativa ciminiera alta 46 mt. e chiede coerenza a quanto detto in campagna elettorale.

Il sig. Sindaco interessato (Pedemonte ) più o meno risponde così ; Il referendum popolare è inutile perché, anche se gli abitanti di Casotto sono contrari le altre frazioni Longhi  e Carotte sono favorevoli,…… quindi vincerebbero i favorevoli. (INCREDIBILE).

Pensierino della sera ; (Se la valle è già morta di certo non risusciterà con la fabbrica di calce).    Armando.